bakeca incontri capo d'or

stati dedicati almeno due videogiochi per PC e PlayStation : Versailles 1685: Complotto alla corte del Re Sole (1996) e Versailles II: Il testamento del re (2001). Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Dopo la morte di Le Vau nel 1670, la supervisione dei lavori venne diretta e portata a compimento dal suo assistente, François d'Orbay. Il palazzo che oggi possiamo vedere era in gran parte già completato all'epoca della morte di Luigi XIV nel 1715. The magic of the Great Waters of Versailles At the Court of the Sun King, Some All-American Art, New York Times (September 11, 2008). L' appartement du roi è una serie di stanze ad uso privato del. Natura, artificio, modello, Leo. Ampie vedute e descrizioni degli ambienti della reggia sono presenti anche in alcuni film come La presa del potere da parte di Luigi XIV (1966 Le roi danse (2000 Le regole del caos (2014) e nella serie televisiva Versailles (2015). Questo fatto segn la fine dell'esilio del Condé dopo la sua partecipazione alla Fronda. Alcuni lavori di restauro vennero compiuti da Napoleone nel 1810 e da Luigi xviii nel 1820, ma lo sforzo principale per riportare Versailles al suo antico splendore venne intrapreso da Luigi Filippo il quale trasform il complesso in un enorme museo, il Musée de l'Histoire.

Gerard van der Kemp, Remeubler Versailles, in Revue du Louvre, vol. . 7 (Gli alberi rimossi dal Trianon vennero reimpiantati nel Jardin des Plantes di Parigi.) Il XIX secolo modifica modifica wikitesto Durante la Rivoluzione francese, dopo che la famiglia reale venne costretta a tornare a Parigi il, tre anni prima della caduta della monarchia, Versailles cadde. 15 Luigi XIV visita la Manifattura Gobelins con Colbert, il Arazzo della serie "Histoire du roi" disegnato da Charles Le Brun ed eseguito tra il 1667 ed il 1672. 336339; Maral 2010,. La reggia vista dalla pièce d'eau des Suisses. Alla fine della guerra dei cent'anni, nel 1453 il piccolo borgo si presentava devastato, le case abbandonate, il castello in rovina. Originariamente create per la regina Maria Teresa d'Asburgo-Spagna, consorte di Luigi XIV, le stanze vennero poi modificate da Maria Leszczyska e da Maria Antonietta d'Asburgo-Lorena. 1623 : il palazzo e la signoria di Versailles vengono vendute dall'arcivescovo Jean-François de Gondi a re Luigi xiii. Il museo contiene una raccolta di dipinti riuniti e riorganizzati da Luigi Filippo in base alle varie epoche storiche. Il progetto è quindi continuato con la messa in sicurezza del palazzo ed i continui lavori di restauro e di acquisizione, per quanto possibili, del mobilio dell'epoca andato disperso. Originariamente progettate e utilizzate da Luigi XIV nel 1683, queste stanze vennero utilizzate anche dai suoi successori Luigi XV e Luigi XVI per alcune cerimonie come la lever ed il coucher.

I lavori erano a buon punto se nel 1682 Luigi XIV fu in grado di proclamare Versailles quale sua nuova residenza ufficiale e sede del governo del Regno di Francia, trasferendovi quindi l'intera corte, gli uffici e tutti i cortigiani. 15 Per far fronte alla domanda di Versailles, Colbert nazionalizz la fabbrica di tappezzerie di proprietà della famiglia Gobelin, trasformandola nella Manufacture royale des Gobelins. L'avancorpo centrale è fronteggiato da otto colonne di marmo rosso che sostengono una balconata in ferro battuto smaltato, il tutto sormontato da un timpano con orologio che rimane fermo all'ora della morte di Luigi XIV. Il progetto ha comportato allo stato un costo di 135.000.000 di euro da dividersi in sette anni. Da allora le spese per Versailles vennero radunate in un faldone dal titolo Comptes des bâtiments du roi sous le règne de Louis XIV e che per la prima volta è stato edito nel XIX secolo da Jules Guiffrey. 223 Chateau de Versailles - spectacles collegamento interrotto, consulté le Jacques Levron, La vie"dienne à la cour de Versailles, Hachette, 1965. Mansart fece costruire le Petites Écuries e le Grandes Écuries (stalle) nei pressi della Place d'Armes, sul lato est del castello, mentre nel 1687 il Grand Trianon, o Trianon de Marbre (Trianon di marmo rimpiazzarono il Trianon de Porcelaine realizzato da Le Vau nel 1668.